Svoltare il natale con un libro

Svoltare il natale con un libro

Jung e Pauli. Il carteggio originale: l'incontro tra psiche e materia 
Carl Gustav Jung e Wolfgang Pauli

Si parla di? Fisica quantistica e sincronicità psichica
A chi regalarlo: provocatoriamente, a chi dice che conta solo la realtà e ai cugini/zii nerd. Agli amanti della letteratura epistolare

Lo psicanalista svizzero Carl Gustav Jung e il fisico quantistico Wolfang Pauli hanno tenuto una ricca corrispondenza tra il 1932 e il 1957, in cui hanno ragionato appassionatamente sul terreno comune tra la realtà fisica ed il mondo psichico. Una delle teorizzazioni principali dell’opera di Jung, il concetto di sincronicità (nesso causale che lega due eventi che accadono contemporaneamente all’interno di un legame di significato), ha preso forza da questo fertile incontro, che si è puntellato nel tempo attraverso incontri, parole dette e scritte, segni e sogni.


Le lacrime di Nietzsche 
Irvin D. Yalom

Si parla di? Consapevolezza di sé attraverso la sofferenza, rapporti che curano
A chi regalarlo: agli amanti di Nietzsche e delle storie di fine ottocento, agli appassionati dei romanzi psicologici

Irvin D. Yalom ha costruito una sua avvincente impronta narrativa prendendo spunto dalle vicende di grandi personaggi storici che diventano anche oggetto di riflessione psicoanalitica, in un’abile commistione di realtà e invenzione letteraria. In questo specifico libro, seguiamo l’epilogo della storia d’amore tra Nietzsche e Lou Salomé, la ferita che l’abbandono produce nel filosofo, e da lì la decisione di farsi seguire dal maestro di Freud e primo fautore della “cura dell’anima”, Joseph Breuer. Questo incontro metterà entrambi a confronto con la necessità di superare i propri limiti e le proprie difese e consentirsi di stare, insieme e con le necessarie differenze, a occuparsi della sofferenza come condizione di conoscenza fondativa dell’essere uomini. 


La fragilità che è in noi
Eugenio Borgna

Si parla di? Fragilità, dignità, ascolto silenzioso
A chi regalarlo: A chi non ne può più della “resilienza” e a chi lavora con persone in momenti delicati

Borgna, con la sua intensa e sottile capacità di penetrare nell’universo esistenziale ed emozionale dell’essere umano, ci consegna pagine profonde e poetiche sulla condizione della fragilità: luogo sospeso dell’esperienza, in cui si vive la possibilità di frantumarsi, che possiamo incontrare ad esempio nel passaggio critico dell’adolescenza oppure nell’accadimento della malattia, nella condizione dell’invecchiare. L’autore analizza questa condizione di delicatezza della vita che è un inno alla vita detto a bassa voce.


Psicopatologia della vita quotidiana
Sigmund Freud

Si parla di? Lapsus, piccole sbadataggini di tutti i giorni, meccanismi di difesa
A chi regalarlo: A chi, nei momenti di tensione, gli viene l’impulso di evitare lo spazio nero tra le strisce bianche quando attraversa la strada

Freud, oltre che un acutissimo psicoanalista, è un narratore eccellente. Quest’opera, revisionata più volte fino alla versione definitiva del 1924, mostra - attraverso esempi anche decisamente spassosi - i meccanismi psichici inconsci che lavorano dietro episodi comuni come la dimenticanza di un nome o piccoli errori quotidiani. Perché l’Io non è (l’unico) padrone a casa sua. 


La vita segreta della mente
Mariano Sigman

Si parla di? Le domande essenziali della mente
A chi regalarlo: A chi sta sempre lì a domandare perché come i bambini e ama mettere insieme i saperi. Pure a chi vuole avere brillanti argomenti di discussione alle cene con gli amici

Da dove vengono i nostri pensieri? Cos’è l’identità? Di cosa è fatta quella che chiamiamo realtà esterna? E i sogni?
Sigman si interroga su grandi e piccole questioni esistenziali, facendoci fare un viaggio molto gustoso e ricco dentro i funzionamenti della mente, spaziando tra diverse discipline: antropologia, biologia, neuroscienza, psicologia, matematica, ingegneria, linguistica, medicina, scacchistica, musica e anche magia…. Il nesso è la ricerca dei nuclei essenziali dell’esperienza di essere umani.


In movimento
Oliver Sacks

Si parla di? la vita elettrizzante del grandissimo neurologo e saggista
A chi regalarlo: a chi ama le autobiografie e a chi ha bisogno di sentirsi dire che “si può fare!”; anche a chi ha amato Robert De Niro e Robin Williams in Risvegli

Oliver Sacks è stato molte cose: ricercatore, clinico, scrittore. Uomo curioso, con un’energia prorompente che ha riversato nelle sue attività di lavoro, uomo complesso, che ha vissuto intensamente anche la frustrazione e la tristezza depressiva. «Sono un uomo dal carattere veemente, con violenti entusiasmi ed estrema smoderatezza in tutte le mie passioni», raccontava in un’intervista.

Questa sua autobiografia è un modo per entrare nell’intimità del grande personaggio che è stato e di seguirne le strade maestre e le digressioni, le fortune e le cadute. Un libro vibrante, ricco di aneddoti, scritto con grande sapienza, il cui filo rosso è la passione per la ricerca.


Il gesto di Caino
Massimo Recalcati

Si parla di? La complessità di emozioni scomode come l’odio e la vendetta
A chi regalarlo: a chi ama la narrazione di Massimo Recalcati e gli piace approfondire i meandri psicologici degli affetti umani. A chi va molto d’accordo con i fratelli

Una rilettura in chiave psicanalitica del gesto fratricida che la Bibbia racconta tra le storie fondative dell’umanità. Caino subisce l’invidia di non essere il prediletto e, attraverso l’uccisione di Abele, uccide “l’immagine ideale di sé che egli vorrebbe essere ma non può essere”. L’amore fraterno, che è ermeneutica della salvezza sul piano religioso ed etico, può essere vista anche come esito di tortuosi sentieri di trasformazione che, a partire da quel primo gesto, hanno dato all’uomo la possibilità di riflettere su se stesso e sui propri intimi moventi. Nella prosa ispirata, aneddotica e seducente di Recalcati.


Istruzioni per rendersi infelici
Paul Watzlawick

Si parla di? Condizioni di infelicità a cui ci si affeziona, meccanismi di autogiustificazione
A chi regalarlo: ai maestri di autogol e a chi non può fare a meno di complicarsi la vita. A chi piace il registro scettico ed ironico

A Paul Watzlawick dobbiamo una costante opera di traduzione dei moventi psicologici in intenzioni e azioni che popolano la nostra vita quotidiana. In questo piccolo libro, l’autore noto per aver chiarito molti dei meccanismi che sottendono la comunicazione umana, ci sfida a riflettere, attraverso il paradosso e l’ironia, sulle intenzioni nascoste che ci fanno a volte scegliere l’infelicità o ci fanno sostare nel crogiolamento. Lettura che necessita di un costante allenamento al disvelamento dei propri meccanismi di autogiustificazione. Pungente e dissacrante.


Arcipelago N. Variazioni sul narcisismo
Vittorio Lingiardi

Si parla di? Relazioni narcicistiche
A chi regalarlo: a chi vuole vedere più a fondo e più in là del binomio vittima/carnefice e a chi pensa che spiegato bene, se non mette in salvo, quanto meno aiuta

«Il narcisismo abita i nostri amori e tutte le relazioni. Può essere fragile o contundente. Finché cerchiamo di rinchiuderlo in una definizione, non lo capiremo. Occorre una bussola psichica per navigare nei mari insidiosi della stima di sé, tra isole che si chiamano Insicurezza, Egocentrismo, Rabbia, Invidia, Vergogna.»

Vittorio Lingiardi, psichiatra a psicanalista, si cimenta con perizia nel difficile compito di raccontare il narcisismo. Difficile perché esiste ormai un discorso pop sul narcisismo, che ne semplifica esageratamente le dinamiche; difficile perché, d’altra parte, le dinamiche narcisistiche esistono, e sono alla base di configurazioni relazionali che caratterizzano profondamente la nostra società attuale. Un libro, quindi, necessario e prezioso, con alcune nozioni tecniche ma dallo stile accessibile. 


Il corpo accusa il colpo. Mente, corpo e cervello nell'elaborazione delle memorie traumatiche
Bessel Van der Kolk

Si parla di? Esperienze traumatiche e loro traduzione nel corpo e nella psiche, percorsi di cura
A chi regalarlo: a chi si interessa della relazione tra gli accadimenti che lasciano profondi segni emotivi e il corpo; a chi vuole approfondire il tema del trauma e gli sviluppi nella ricerca in questo campo

Quest’opera, basata su un’esperienza di più di trent’anni, è essenziale per la comprensione di come le esperienze traumatiche si esprimono sul piano fisico e sul piano emotivo. Vissuti dirompenti connessi al trauma possono produrre, in registri diversi, una profonda tendenza all’isolamento (con emozioni di paura profonda e ansia) e specifiche configurazioni di mentalizzazione. Integrando i recenti progressi delle neuroscienze e degli studi sull'attaccamento, l'autore indica nuovi percorsi di ricerca, che attraverso la destrutturazione di alcuni collegamenti cerebrali connessi al trauma, ha come obiettivo il recupero del senso di fiducia nei confronti del corpo-casa in cui ha subito traumi profondi.


La gatta. Una fiaba sulla redenzione del femminile
Marie- Louise Von Franz  

Si parla di? Individuazione al femminile
A chi regalarlo: A chi ha amato Donne che corrono coi lupi e si incuriosisce di archetipi psichici e fiabe; a chi - tra il cane e il gatto - sicuramente il gatto

A partire da una fiaba romena, che narra le vicende dell’unica figlia femmina dell’infelice imperatore, trasformata in una gatta il giorno del compimento dei suoi 17 anni, la più brillante allieva di Carl Gustav Jung rintraccia e approfondisce i molteplici significati archetipici del gatto, soprattutto nella sua declinazione femminile: animale misterico, connesso alle streghe e detentore di poteri magici, associato nella cultura popolare alla capacità di portare ventura e sventura. Seguendo la fiaba, attraverso la gatta la Von Franz segue il filo rosso del percorso di individuazione del femminile, che si puntella in un ricco simbolismo psichico di recupero e rilancio della consapevolezza di sé.

PrecedenteDalla competizione alle culture dell’eccellenza a scuola
SuccessivoPerché è difficile andare via da una relazione violenta?