Quale Natale sei?

Quale Natale sei?

Se stai leggendo questa newsletter è la Vigilia di Natale o forse Santo Stefano. Ti aspettano lunghi pranzi e incontri familiari più o meno desiderati. L’atmosfera natalizia ti pervade, anche se provi a resistergli, sarà la luce accecante delle palline di Natale, sarà l’eccesso di prosecco sorseggiato in attesa di ricevere i parenti, sarà la curiosità dei regali. O forse no, non è nulla di tutto questo, è qualcos’altro.
La tv è accesa e stanno trasmettendo per l’ennesima volta un classico di Natale. Lo guardi distrattamente, ma gradualmente cominci ad immedesimarti nel film, nonostante tu lo abbia visto migliaia di volte.
Quel film in qualche modo ti rappresenta. Sì, ma quale film è? La risposta non è banale.

Abbiamo scelto 4 film che rappresentano un’istituzione nel periodo di Natale, ciascuno con le sue caratteristiche, e li abbiamo legati ad uno dei 4 temperamenti che già Galeno, quasi 2000 anni fa, aveva identificato nell’uomo. La teoria dei 4 temperamenti si è poi evoluta nel tempo, ha assunto una connotazione psicologica più spiccata, finendo per proporre dei prototipi caratteriali, con l’ambizione di comprendere la mente ed il comportamento umani in essi. 

Il canto di Natale. Il capolavoro disneyano non passa mai d’epoca. Dickens ha raccontato una storia universale, ma i personaggi Disney la rendono irresistibile. Ti avvince la storia di miseria e rinascita, il bene che vince e penetra nel cuore malato anche del più arido Scrooge, anche davanti a quella coscia di piccione striminzita ed alla sfortuna degli ultimi. E poi non puoi fermare le lacrime di fronte alla sorte del piccolo Timmy.
Il tuo è decisamente un temperamento flemmatico. Ami quando i conflitti hanno un finale conciliante, sei generoso e credi fermamente nell’altruismo e nella pace sociale. Sai essere paziente, anche di fronte agli scenari più funesti, sei convinto che la giustizia trionferà.

Natale in casa Cupiello. Era il film che guardava sempre tuo padre e con lui lo guardavi tu da bambino. L’atmosfera d’antan ti rassicura, l’ironia di Eduardo ed i siparietti con il figlio sul caffè ti fanno sentire il calore di casa. Ti piace il bianco e nero, ha il sapore della tradizione che continua nelle generazioni e che nella sua vena tragicomica ti spinge a pensare all’ambiguità della vita.
Hai un temperamento malinconico. La qualità è la caratteristica che cerchi in tutte le cose, dalle opere d’arte alle relazioni, anche se non puoi rinunciare ai tuoi momenti introspettivi, nei quali pensare al senso più profondo delle cose. Credi fermamente che nella società ci vogliano regole e valori da seguire, la piega che sta prendendo il mondo non ti piace.

Nightmare Before Christmas. L’ambiente cupo, la musica martellante, quel mondo di personaggi gothic e angoscianti ti irretiscono sin dalle prime battute. Il film ti sbatte in faccia l’ipocrisia del Natale, il consumismo ed il conformismo, che disprezzi sin da quando eri bambino o bambina. La notte che vedi sullo schermo pervade la sala da pranzo in cui ti trovi ed anche la tua famiglia ti sembra opprimente.
Hai un temperamento collerico. Sei visionario, hai grande immaginazione e soprattutto il tuo spirito è libero. Sei indipendente, pragmatico e determinato come Jack, che vuole sovvertire le regole che gli sono state imposte. Faresti di tutto pur di affermare te stesso e le tue idee.

Una poltrona per due. Il sorriso a 36 denti di Eddy Murphy è una certezza. Anche se già conosci come andrà a finire la storia, ogni volta ti sorprendi di fronte all’incertezza della vita. Il ricco che è ridotto sul lastrico, il povero che diventa un magnate e poi l’astuzia finale che ribalta di nuovo tutto quanto, con i due vecchi capitalisti, burattinai del gioco, che vengono fregati. Una poltrona per due non smetterà mai di piacerti, perché ci racconta che in fondo tutti possono farcela.
Hai un temperamento sanguigno. Sei ottimista, ti piacciono le storie spensierate che non drammatizzino troppo la vita. Sei impulsivo come Eddy, odi la monotonia ed ami il cambiamento. L’esistenza, per te, è una rivoluzione costante e se ci metti creatività puoi raggiungere tutto quello che desideri.

Avvertimenti e controindicazioni: la versione della teoria dei 4 caratteri temperamentali qui presentata non ha alcuna base scientifica. Ti consigliamo, però, di giocare con questa teoria chiedendo ai tuoi familiari, nel bel mezzo del cenone, quale film preferiscano fra i 4 proposti.
Festival Psicologia non si assume alcuna responsabilità in caso di conflitti familiari e lancio di piatti durante il cenone, a seguito del gioco.
Nessun critico cinematografico è stato maltrattato per la realizzazione di questa newsletter.
Non prendetevela con Galeno, erano altri tempi, e poi doveva seguire Marco Aurelio sul fronte germanico, non era una vita facile.

PrecedenteSchizofrenia
SuccessivoNatale con i tuoi