I rischi della rete: dall'adescamento al revenge porn

I rischi della rete: dall'adescamento al revenge porn

Le nuove tecnologie rappresentano oggi un mezzo di contatto, sviluppo ed esplorazione della propria affettività e sessualità. Un utilizzo adeguato del mezzo diventa fondamentale, soprattutto in fase infantile ed adolescenziale, per evitare quei possibili e importanti rischi per la salute fisica ed emotiva della persona oltre che il coinvolgimento in condotte a rischio e devianti che possono avere delle ricadute anche in ambito giuridiziario. Fenomeni come quello dell’adescamento online, della molestia, del revenge porn e del cyberbullismo rappresentano un rischio concreto per gli utenti, ed è per questo motivo che un accompagnamento ad un utilizzo consapevole e funzionale di Internet può aiutare a riconoscere le trappole e i pericoli che possono celarsi dietro a un suo utilizzo improprio o eccessivo, permettendo così di poterne godere in modo sano e sicuro. Il webinar si propone, dunque, di analizzare gli aspetti psicologici, giuridici e sociali di questi fenomeni, in termini di opportunità ma anche di rischi, andando a fornire a genitori, insegnanti e utenti alcune strategie utili a riconoscere e prevenire i rischi della rete.

Ne parliamo con:
Debora Peruzzi, Psicologa e Psicosessuologa, co-fondatrice e responsabile Lazio di NUDI - Nessuno Uguale Diversi Insieme, Associazione Nazionale di Psicologi per il benessere psicologico LGBT+, Componente del Gruppo di Lavoro "Psicologia e Sessualità" dell'Ordine degli Psicologi del Lazio

Vera Cuzzocrea - Psicologa giuridica – psicoterapeuta, giudice onoraria Tribunale per i Minorenni di Roma, Consigliera Ordine Psicologi Lazio e Coordinatrice Commissione Tutela. Docente presso Master universitari e Scuole di Specializzazione oltre che autrice di diverse pubblicazioni scientifiche nell’ambito della psicologia giuridica penale.


Prenotati all'evento

PrecedenteBoomer, Millennial, Zoomer: perché l’odio sociale passa per le generazioni?
SuccessivoI Monologhi della vagina