Confini. Sovranismo e europeismo: così lontano così vicino

Quali sono le leve emozionali utilizzate dal sovranismo e dall’europeismo nella loro comunicazione per le elezioni europee di fine maggio?

Dopo un ventennio caratterizzato dall'apologia dell'ibridazione - trainata dall'idea forte della globalizzazione e dei suo miraggio di benessere, declinato in termini economici, tecnologici e di consumo - l'opinione pubblica occidentale sembra seguire in questa fase storica un riflesso contrario e percepire, piuttosto, il bisogno di tracciare un perimetro più prossimo nel quale specchiarsi e definire l'immagine che ha di se stessa.

Le dinamiche sociali, politiche e culturali sembrano, infatti, avere trovato una nuova dimensione di senso attorno al concetto di identità/nazione, da intendersi come recupero di ciò che è in qualche modo autentico, originario.

Un momento che potrebbe cristallizzare questa tendenza è rappresentato dalle elezioni europee di fine maggio, impostate appunto dalle tradizionali famiglie politiche su due grandi opzioni e direzioni di marcia:

  1. in continuità con il passato (quella europeista), con la riaffermazione del valore dell'integrazione e di un'idea di identità concepita come dinamica, aperta e inclusiva;  

  2. in aperta rottura (quella sovranista), con il recupero di una presunta specificità (definita perlopiù in termini nazionali) e il disconoscimento di un’identità quale quella perseguita dal disegno dei "padri", all'apparenza moralmente giusta e ineluttabile, in realtà fittizia e manipolatoria perché funzionale alla perpetuazione degli interessi particolari delle élite.

Nel corso della serata proporremo un’analisi degli stili comunicativi e del linguaggio utilizzati durante la campagna elettorale appena conclusa, con l’intento di evidenziare le leve emozionali che gli attori politici hanno inteso sollecitare nell’elettorato.  

Protagonisti

  • Analista e comunicatore politico, autore del libro Fenomeno Salvini
  • Admin della pagina facebook "Gli Eurocrati". Lavora al Parlamento Europeo, scrive per Treccani e l'edizione italiana di Esquire
  • Scrittore, giornalista ed insegnante, è fondatore e coordinatore del blog letterario Minima&Moralia
  • psicologa, autrice e blogger. Membro associazione ricerca psicologia analitica Aion, Bologna
  • Docente di Psicologia presso la Sapienza - Università di Roma
    CHAIR
Identità violente: narrare la ferocia per arginare gli effetti
Identità violente: narrare la ferocia per arginare gli effetti
Città: come viviamo i luoghi che abitiamo?
Città: come viviamo i luoghi che abitiamo?
Hikikomori : quando si decide di isolarsi dal mondo
Hikikomori : quando si decide di isolarsi dal mondo
Disegna il tuo futuro: dai forma alla tua identità professionale
Disegna il tuo futuro: dai forma alla tua identità professionale
Lavoro: crisi di identità
Lavoro: crisi di identità
Pet therapy: un contatto col “diverso da sé” non giudicante
Pet therapy: un contatto col “diverso da sé” non giudicante
Questo non è amore: la violenza nei rapporti di coppia e in famiglia
Questo non è amore: la violenza nei rapporti di coppia e in famiglia
Lavoro: cambio di scena
Lavoro: cambio di scena
Benessere al lavoro: investire sulla felicità dei lavoratori
Benessere al lavoro: investire sulla felicità dei lavoratori
Tirocinio 2.0
Tirocinio 2.0