La psicologia dell’alimentazione: cosa, come e perché

La psicologia dell’alimentazione: cosa, come e perché

Obesità, sovrappeso, celiachia, diete.

Non passa giorno in cui non si discuta di questi argomenti e, quotidianamente, riviste “più o meno scientifiche” propongono nuovi stili alimentari. Dalla dieta vegana a quella proteica; dalla dieta del gruppo sanguigno, alla alimentazione ricca di carboidrati.

Ognuna di queste viene presentata come la risoluzione ad ogni problema e ogni programma alimentare viene ritenuto il migliore. Le cose sembrano semplici: “scegli il tuo stile alimentare e  seguilo”!

Eppure, come psicologi lavoriamo, quotidianamente, con persone che chiedono aiuto  per il loro rapporto con il cibo e che ci fanno domande che vogliono risposte. Le domandi più frequenti sono: “perché mangio anche quando non vorrei farlo? Perché mi sembra di non riuscire a controllare la mia alimentazione ed a seguire una dieta? Perché faccio quello che non dovrei fare? (mangiare cibi che non posso?). In tutti questi casi ci siamo trovati davanti delle persone che avevano un unico problema: quello di avere continuamente insuccessi nel mantenere il regime alimentare richiesto o desiderato.

Con questo e-book, “La psicologia dell’ Alimentazione: cosa, come e perché”, vogliamo provare a dare le risposte e aiutarvi a capire meglio cosa si nasconda dietro la difficoltà a seguire delle diete, soprattutto se per lungo tempo.

La psicologia non si occupa “solo“  di malattie mentali. Come scienza del comportamento ha tra gli obiettivi quello  di comprendere “perché” le persone fanno quello che fanno e anche perché le persone non riescono a fare quello che vorrebbero.

Speriamo che possiate trovare la risposta in quello che seguirà e comprendere in che modo la psicologia potrà aiutarvi. Ci sembra doveroso e, magari, riusciremo a confortare e aiutare qualche lettore angosciato.

PrecedenteCome un adulto prende al volo un ragazzo che sta per cadere?
SuccessivoIntorno alla nascita